Ferite: ecco i cibi che aiutano la pelle a guarire in fretta
 
Il processo di guarigione delle ferite comporta l'attività di una rete intricata di eventi biologici che coinvolgono le cellule del sangue, i mediatori tissutali, citochine e fattori di crescita. Questa intensa attività cellulare determina un'accelerazione del metabolismo e di conseguenza richiede un aumento del fabbisogno energetico da soddisfare attraverso il cibo. Alcune sostanze rivestono un ruolo di primaria importanza per una pronta ri-epitelizzazione. Scopriamo insieme quali alimenti preferire…

L’AIUTO DALLA TAVOLA

In cima alla lista “salva-ferite” troviamo le proteine, richieste dal corpo in elevate quantità (fino a 3 volte superiore a quella normalmente assunta) per costruire nuovi tessuti, eliminare quelli morti e fornire nutrienti a ferite e lesioni. Le sue fonti? Frutti di mare, carne bianca di pollame, filetto di maiale, latte e latticini (formaggi e yogurt), uova, fagioli e soia. A seguire le vitamine, specie la A e la C che, oltre ad essere antiossidanti tessutali, sono necessarie per la formazione del collagene (il principale componente del tessuto connettivo) e per una corretta funzione immunitaria. Basta assicurarsi buone quantità di frutta, in particolare agrumi e kiwi, e verdura giallo-arancione, come carote, zucca, peperoni e gli stessi agrumi.

 

La dieta improntata a favorire una pronta guarigione delle ferite, secondo quanto riportato da alcuni studi sperimentali e clinici, non può fare a meno di due specifici amminoacidi: arginina e glutamina, in grado di influenzare anche la funzione immunitaria.

 

Dove trovarle? Sono contenute in abbondanza in frutta secca, legumi, carne di maiale.

TÈ, OLIO DI OLIVA E CURCUMINA

La lista delle sostanze preziose si allunga alle sostanze proprie di alcuni alimenti, quali: le catechine del tè, l’idrossitirolo dell’olio d’oliva e la curcumina. Estratta dalla Curcuma longa, membro della famiglia dei polifenoli e utilizzata soprattutto come colorante vegetale, la curcumina è in grado di attivare una specifica proteina (Nrf2) fondamentale per la sopravvivenza cellulare allo stress, e parallelamente inibire un segnale (Nfk-B) altrettanto importante nell’innescare i processi infiammatori e di morte programmata dei tessuti (apoptosi).

 

Tra le strategie nutrizionali un posto d’onore spetta ai polifenoli dell’olio d’oliva, l’idrossitirosolo e l’oleuropeina, che gli studi più recenti indicano capaci di favorire la guarigione delle ferite e ottimizzare i tempi di guarigione post chirurgici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dieta Social Magazine n. | Editore: Media Share srl – Via Marco Polo 55 – Rende (CS) | Direttore responsabile: Stefania De Napoli | Reg. Stampa Trib. CS n° 1/2020 – Settimanale | ISSN 2724-3044

Non vuoi perderti nessun aggiornamento del nostro blog?

Iscriviti alla nostra newsletter e riceverai in anteprima ogni nuovo articolo del nostro blog!

PERCORSO COLLETTIVO

Con il nostro percorso collettivo di educazione alimentare potrai contare sulla forza del gruppo per raggiungere più facilmente i tuoi obiettivi di peso forma e salute.

PERCORSO INDIVIDUALE

Grazie a questo programma completamente personalizzato, potrai contare su un nutrizionista dedicato, che attraverso visite in studio oppure online, si prenderà cura di te supportandoti in ogni momento del percorso!
Scroll to Top