Soia, un aiuto naturale per dormire meglio

Utile contro il “mal di primavera” e per ritrovare energia. La soia contribuisce a realizzare il sogno di tutti: dormire bene per attivare quel processo fondamentale per il benessere fisico e mentale che dal ri- Soia Un aiuto naturale per dormire meglio sveglio ci accompagna per tutta la giornata. Qualità del riposo Un interessante studio condotto in Giappone su oltre mille persone, e pubblicato su Nutrition Journal, dimostra i benefici legati al consumo degli isoflavoni della soia, una classe di fitoestrogeni presenti soprattutto nelle leguminose, la cui assunzione è correlata positivamente con la duratae la qualità del sonno. Si tratta del primo lavoro ad aver analizzato la popolazione in generale: in passato, solo due ricerche avevano preso in esame la correlazione tra assunzione degli isoflavoni della soia e turbe del sonno, focalizzandosi però esclusivamente sulle donne in post-menopausa. La ricerca è stata condotta su 1.076 giapponesi di età compresa tra i 20-78 anni di cui sono state prese in esame alcune abitudini rilevanti. L’assunzione di isoflavoni è stata misurata utilizzando alimenti a base di soia molto comuni nella cucina giapponese, tra cui il tofu. I risultati suggeriscono che un’elevata assunzione quotidiana di isoflavoni da fonti alimentari è significativamente correlata a una durata ottimale del sonno (7-8 ore) e a una sua migliore qualità. Una delle spiegazioni potrebbe risiedere nel fatto che gli isoflavoni, agendo come gli estrogeni, impattano positivamente su alcuni neurotrasmettitori del cervello, tra cui la serotonina, responsabile della regolazione del ciclo sonno-veglia.

NUMEROSI BENEFICI

La soia è il legume più ricco di aminoacidi e lecitina (regolatore vascolare e modulatore della mielina). Ha preziosi grassi polinsaturi ed è un buona fonte di calcio, ferro, potassio, fosforo, magnesio, tiamina e altre vitamine del gruppo B. È molto digeribile e non dà flatulenza. Per la salute, è efficace nel ridurre il colesterolo Ldl e nell’aumentare quello Hdl. Studi scientifici hanno dimostrato che abbassa il rischio di tumori nella donna dopo la menopausa. 

COME SI CONSUMA?

A tavola la soia deve essere consumata ben cotta in modo da eliminare la fitina, che comunque riduce l’apporto mineralizzante di questo legume (un problema analogo a quello dei cereali integrali). Poiché i semi rimangono sempre un po’ “duri” anche dopo la cottura, possono essere utilmente passati in un mixer per farne, ad esempio, polpette oppure ripieni. 

Dieta Social Magazine n. 82 del 02/09/2021 | Editore: Media Share srl – Via Marco Polo 55 – Rende (CS) | Direttore responsabile: Stefania De Napoli | Reg. Stampa Trib. CS n° 1/2020 – Settimanale | ISSN 2724-3044

Scroll to Top