I benefici della caffeina sulla pelle

Trattamenti speciali per il corpo al caffè: è una tendenza di molti istituti di bellezza. Già, perché il caffè è l’ingrediente base della maggior parte delle creme anticellulite in commercio. Stimola le lipasi, gli enzimi che intervengono nella scissione dei grassi, affinando la silhouette e riducendo la pelle a buccia d’arancia. Un ingrediente comune, dunque, ma dalle grandi proprietà che aiuta a smaltire i cuscinetti adiposi.

IL CAFFÈ PER DRENARE

La caffeina è un alcaloide con caratteristiche stimolanti e drenanti. Le si riconosce la capacità di inibire alcuni processi enzimatici che produrrebbero l’aumento della lipolisi, cioè la “frantumazione” delle cellule adipose. Gli esperti di benessere sostengono che abbia dimostrato effetti più che soddisfacenti contro la buccia d’arancia e le adiposità localizzate, in alcuni casi rallentandone perfino la formazione. Proprio per questo in commercio si trovano prodotti snellenti alla caffeina di svariati marchi e prezzi a ogni portata. Sono sotto forma di gel o crema e sono sempre associati ad altri principi che aiutano a contrastare l’adipe localizzato stimolando così il metabolismo e drenando i ristagni di liquidi.

RICETTA FAI DA TE

Ecco come realizzare un vero e proprio impacco di caffè per contrastare la cellulite, da eseguire 2 volte a settimana. Questo trattamento deve assolutamente essere effettuato lontano dai pasti principali, cioè quando sono trascorse almeno tre ore. È bene conservare in frigorifero, all’interno di un barattolo ermetico (per evitare eventuali contaminazioni di odori di cibo), i fondi di caffè. Per la preparazione dell’impacco sono necessari anche del cacao magro e del sale marino iodato. Bisogna riscaldare dell’acqua in un pentolino e procedere così: in una zuppiera inserire i fondi freddi del caffè per lavorarli con un po’ d’acqua; aggiungere 4 cucchiai di cacao ed infine 3 cucchiai di sale iodato, che possiede proprietà dimagranti e anticellulite. Quando l’impacco è morbido e la consistenza è quella di un fango, si possono aggiungere anche degli oli essenziali di origano e menta. Bagnare la zona da trattare per poi asciugarla con un panno (deve risultare semplicemente umida). Procedere spalmando l’impasto ottenuto. Poi avvolgere il tutto con una pellicola trasparente in modo tale da non far fuoriuscire il prodotto. Lasciare in posa per almeno due ore, continuando a svolgere le proprie attività in casa, poi risciacquare.

Che ne dite? E voi, quali sono gli “impacchi” che usate più di frequente? Si accettano consigli… 

Dieta Social Magazine n. 82 del 02/09/2021 | Editore: Media Share srl – Via Marco Polo 55 – Rende (CS) | Direttore responsabile: Stefania De Napoli | Reg. Stampa Trib. CS n° 1/2020 – Settimanale | ISSN 2724-3044

Scroll to Top