Come rendere lo sguardo magnetico?

“La bellezza è nello sguardo!”: quante volte ce lo sentiamo ripetere? Evidentemente abbastanza se, pur essendo una delle zone più delicate del volto, sono molti quelli che si danno da fare per mantenerlo giovane. Insieme agli occhi, lo sguardo ha un ruolo di primo piano nella percezione della bellezza del viso ed è uno dei nostri principali strumenti di seduzione. Ma trattandosi di una zona molto mobile è necessario intervenire con tecniche che diano il maggiore risultato in base a ogni singolo problema da risolvere.

I trattamenti:

Tossina botulinica

Ingiustamente ritenuta colpevole di espressioni innaturali e “occhi fissi”, in realtà, a determinare il risultato ottenibile con la tossina botulinica è solamente la mano del medico. Se la sostanza è ben dosata, rispettando proporzioni e armonia del volto, aiuta a dare un’aria meno stanca e più giovane. È un trattamento rapido che dà un risultato immediato. Il medico può scegliere uno dei due farmaci autorizzati per questo distretto che lavorano sul muscolo e rilassano lo sguardo.

Fili

Utilizzati per sollevare l’ala del sopracciglio. Sono riassorbibili e possono essere di sospensione o di biostimolazione. La differenza consiste nell’invasività del trattamento, nella durata e nei costi. I primi sono più invasivi (richiedono un’anestesia locale perché sono dotati di piccoli uncini che agganciano le strutture facciali permettendone la sospensione e risollevando così la parte cadente), ma determinano un risultato più duraturo, fino a un anno e mezzo. Quelli di biostimolazione, invece, sicuramente validi e meno invasivi, determinano una stimolazione a livello dei fibroblasti, con una trazione sul tessuto più ridotta e di più breve durata.

Filler di acido ialuronico

Viene usato per le rughe peri-oculari quando si vuole evitare il trattamento con la tossina botulinica. In questo caso, la scelta del prodotto è fondamentale: è importante scegliere un filler poco viscoso e denso adatto alle correzioni superficiali. Le rughe attorno agli occhi, infatti, sono talmente sottili che se si iniettasse un acido ialuronico molto denso si rischierebbe la formazione di antiestetici ‘cordolini’, difficili poi da gestire.

Idrossiapatite di calcio

Con un’accurata diluizione è un trattamento molto soft simile all’acido ialuronico, ma lavora molto in superficie.

E poi ci sono le creme di contorno occhi, insomma, le strategie per rendere perfetto lo sguardo sono molte e adatte a tutte le tasche e a tutte le esigenze.

Voi, quali piccoli segreti di bellezza applicate per sentirvi sempre al top?

Dieta Social Magazine n. | Editore: Media Share srl – Via Marco Polo 55 – Rende (CS) | Direttore responsabile: Stefania De Napoli | Reg. Stampa Trib. CS n° 1/2020 – Settimanale | ISSN 2724-3044

Scroll to Top