Vitamine alleate del sistema immunitario

Il corpo umano è una vitale formula biochimica generata dalle molecole alimentari e respiratorie introdotte ogni giorno.

Se manca una molecola o più molecole, la nostra personale formula vivente viene alterata. Situazione nutrizionale che può succedere a molte persone, che diventano più deboli e meno reattive.

Il nostro IO BIOLOGICO, cioè il nostro corpo, diverso da tutti gli altri esseri umani, ci dice che ciascuno di noi ha un personale e unico DNA cellulare.

Il profilo nutrizionale di un corpo umano è la base della nostra capacità di reazione contro i virus.

La fragilità del corpo umano infettato da un virus dipende dalle personali condizioni metaboliche, nutrizionali e immunitarie del proprio corpo.

La scienza possiede ampie conoscenze in grado di sostenere l’efficienza del sistema immunitario.

Fermiamo l’attenzione sulle vitamine.

VITAMINE e SISTEMA IMMUNITARIO

Le vitamine sono nutrienti essenziali che il corpo umano non può produrre. Pertanto, tutte le vitamine devono essere introdotte con l’alimentazione e con la esposizione al sole (vitamina D).

Le vitamine sono classificate in due gruppi

1 – VITAMINE IDROSOLUBILI: B1. B2, B3, B5, B6, acido folico, B12, vitamina C

2 – VITAMINE LIPOSOLUBILI: A, D, E, K.

Le vitamine idrosolubili così dette perché possono stare in soluzione in acqua. Sono vitamine che devono essere introdotte ogni giorno con l’alimentazione perché non esistono depositi all’interno del corpo umano.

Pertanto, è alto il rischio di avere carenza con errata alimentazione non in grado di apportare tutte queste vitamine idrosolubili. Occorre sempre riflettere che le vitamine assunte con integratori artificiali possono non avere le stesse modalità di azione all’interno delle cellule rispetto alle vitamine assunte con gli alimenti naturali. Le vitamine liposolubili (A, D, E, K) sono depositate negli adipociti del tessuto grasso corporeo.

Introdotte con la alimentazione e con esposizione al sole (vitamina D) si accumulano nel grasso. Le persone obese oppure le persone con lipodistrofia (grande svuotamento di grasso sottocutaneo) possono avere carenza di vitamine liposolubili, con effetti negativi sul sistema immunitario.

Consideriamo due vitamine: vitamina C e vitamina D.

VITAMINA C

Dose consigliata giornaliera superiore a 200 mg (contenuta in quattro arance e due limoni). I requisiti per la vitamina C aumentano durante l’infezione dei virus.

Assunzione giornaliera di almeno 200 mg / giorno per individui sani. Negli individui che sono malati, si raccomanda ameno 1g / giorno. La vitamina C assunta come integratore artificiale (compresse acquistate in farmacia non è attiva ed efficiente con le stesse modalità come la vitamina C naturali contenuti negli alimenti).

VITAMINA D

Assunzione giornaliera di 2000 UI / giorno oppure 50 µg / giorno. L’integrazione quotidiana di vitamina D riduce il rischio di infezioni acute del tratto respiratorio. La vitamina D è attiva in tutte le cellule immunitarie e può essere definita come la regina del sistema immunitario.

È consigliata l’assunzione di una dose giornaliera di vitamina D per valorizzare il suo assorbimento intestinale. Consiglio di non assumere dosi molto elevate di vitamina D in una unica assunzione. Alcune gocce ogni giorno è la soluzione migliore.

Quattro porzioni di pesce e quattro uova nella settimana garantiscono adeguate dosi alimentari di vitamina D.

Un abbraccio di salute.

Prof Pier Luigi Rossi

Dieta Social Magazine n. | Editore: Media Share srl – Via Marco Polo 55 – Rende (CS) | Direttore responsabile: Stefania De Napoli | Reg. Stampa Trib. CS n° 1/2020 – Settimanale | ISSN 2724-3044

Scroll to Top