Ricci, segreti per capelli perfetti

Onde, boccoli oppure in stile afro, i ricci, spesso, sono difficili da domare. Soprattutto quando le condizione climatiche e ambientali non giocano a nostro favore. Così, complici umidità e un tasso elevato di smog, colpevoli di gonfiare le squame del capello, l’effetto frizz è sempre in agguato. L’astuzia è applicare trattamenti idratanti e disciplinanti, e chiedere al parrucchiere di fiducia un buon taglio che possa agevolarci quando dobbiamo fare la piega a casa. Taglio che sul riccio deve essere eseguito da asciutto, per permettere di valutare meglio la proporzione e l’equilibrio tra pieni e vuoti, e non appesantire. Un bravo acconciatore lo sa, ma nel caso se ne dimenticasse… ricordiamoglielo noi.

L’ABC

Per diverse ragioni, che spaziano dai costi alla mancanza di tempo, per la maggior parte delle donne è impossibile concedersi più di una seduta settimanale dall’hairstylist. Laparola d’ordine è dunque imparare a gestire la chioma da sé.

  • Il gesto fondamentale consiste nello spazzolare i capelli per sciogliere eventuali nodi prima del lavaggio. Meglio utilizzare un pettine a denti larghi, che limita il rischio di spezzarli.
  • Dopodiché, si passa alla detersione, che deve essere eseguita con prodotti emollienti e nutrienti, per ammorbidire la capigliatura e renderla docile al pettine. Attenzione, però: se possibile, non lavarli ogni giorno, altrimenti li renderai ancora più crespi ed elettrici.
  • Si procede poi all’asciugatura. Il getto d’aria del phon non deve essere troppo caldo e deve essere mosso con costanza da destra a sinistra della testa e dall’alto verso il basso, e viceversa.
  • Quando li pettini, cerca di non utilizzare la spazzola, ma dai forma alla piega aiutandoti con le dita.
  • Per cercare di chiudere le cuticole e le squame del fusto capillare, puoi utilizzare appositi spray e fiale.
  • Una volta o due la settimana, semaforo verde per una maschera rigenerante e/o anticrespo, da lasciare in posa 15-20 minuti e da sciacquare con acqua tiepida.

 

I TAGLI AH HOC

Anche il capello riccio ha il suo cut d’elezione. La tendenza di stagione è un carré scalato di lunghezza media, comodo e pratico anche in vista dei primi weekend fuori porta. La riga perfetta è quella al centro della testa. C’è poi il pixie cut, molto fresco e giovane. Un taglio corto, sfumato e rasato sulla nuca, che predilige però le onde, anziché ricci troppo stretti, per evitare l’effetto lana di pecora. Il long bob (che arriva sotto le spalle) è dedicato a chi non teme di osare esibendo una chioma folta e di grande personalità. 

LA FORMA DEL VISO

  •  Se il volto è quadrato, scegli un ciuffo laterale, per addolcire i tratti del volto.
  • Se invece è ovale, opta per una capigliatura di taglio medio.
  • Se è lungo, il parrucchiere dovrebbe bilanciare la lunghezza e preferire per te una capigliatura medio-corta.

COSA CHIEDERE AGLI ESPERTI

Dal parrucchiere, puoi coccolarti con una varietà di trattamenti pensati per il curly. Sì a maschere o soin (cure) intensivi ristrutturanti a base di cheratina, la costituente principale dei capelli. Anche il dermatologo o il medico estetico possono dare una mano, grazie a prodotti di biostimolazione del cuoio capelluto per migliorare la qualità della chioma. Si tratta di microiniezioni a base di frammenti di acido ialuronico biomimetico (riconoscibile cioè dal nostro organismo) da eseguire ogni due settimane per un ciclo di sei/otto sedute.

MASCHERE FAI DA TE

A casa, puoi sbizzarrirti e realizzare da sola con ingredienti presi in prestito dalla cucina o acquistati in erboristeria degli impacchi 100 per cento naturali, da stendere su tutta 8 la lunghezza del capello e coprire con una pellicola trasparente. Risciacqua con acqua e procedi poi alla detersione con lo shampoo abituale.

  • Per rinforzare, crea un composto con tre cucchiai di olio extravergine di oliva e un vasetto di yogurt bianco.
  • Per idratarli, utilizza la polpa di mezzo avocado o banana, tre cucchiaini di burro chiarificato e tre di olio di macadamia.
  • Per apportare luminosità, l’ideale sono qualche goccia di semi di lino, da associare a due cucchiaini di olio di macadamia e due di succo o gel di aloe vera.

 

Dieta Social Magazine n. 82 del 02/09/2021 | Editore: Media Share srl – Via Marco Polo 55 – Rende (CS) | Direttore responsabile: Stefania De Napoli | Reg. Stampa Trib. CS n° 1/2020 – Settimanale | ISSN 2724-3044

Scroll to Top