Yogurt: alimento amica del microbiota

Ma come si genera lo yogurt a partire dal latte?

Il componente chiave del latte che rende possibile questo processo è il lattosio. Esistono batteri specializzati nell’utilizzazione del lattosio come loro principale fonte di energia, tre i più conosciuti ci sono i Lactobacillus Bulgaricus e Casei, in grado di scindere questo zucchero nei suoi due componenti, glucosio e galattosio, poi utilizzati dai batteri per i loro processi energetici: il prodotto finale, l’acido lattico, determina una riduzione del pH del latte, il blocco della crescita batterica e la perdita della struttura della caseina (proteina del latte) che tenderà a riassemblarsi con altre molecole determinando così la consistenza morbida e cremosa dello yogurt ed il suo tipico gusto acidulo.

Lo yogurt greco si ottiene rimuovendo parte del siero presente per ottenere un prodotto con un maggior contenuto di proteine ed una consistenza più densa e cremosa, richiede una lavorazione più lunga e una maggior quantità di materie prime tanto che molte aziende custodiscono gelosamente le tecniche utilizzate per la sua produzione.

I valori nutrizionali dello yogurt variano a seconda del latte da cui viene prodotto: ci sono lo yogurt da latte intero, lo yogurt da latte parzialmente scremato e lo yogurt magro, prodotto a partire dal latte scremato. Naturalmente esistono yogurt addizionati a frutta, zucchero, sciroppi, coloranti, ecc, che noi di Dieta Social vi sconsigliamo e non inseriamo nei nostri menù perché questi prodotti riducono notevolmente i benefici legati al consumo di yogurt.

Lo yogurt apporta proteine di buon valore biologico e carboidrati quasi in egual misura, l’apporto di grassi varia in base latte da cui viene prodotto, saranno maggiori nello yogurt intero fino ad essere quasi assenti nello yogurt prodotto con latte scremato. Tra le vitamine buono l’apporto di B2 e B12; tra i minerali rilevante la presenza di calcio (il 12% della dose giornaliera consigliata) di fosforo, potassio e magnesio. Lo yogurt è l’esempio perfetto di un alimento estremamente complesso, i cui effetti sulla salute, più che ad essere imputati ad un singolo costituente, devono essere considerati il risultato dell’alimento stesso, una miscela di vitamine, minerali, grassi e proteine che, assieme ai batteri presenti, è in grado di intervenire e influenzare un gran numero di processi fisiologici. Comunque l’effetto benefico primario dello yogurt si esplica a livello del microbiota intestinale perché l’azione dei batteri presenti nello yogurt è necessaria al benessere del microbiota, aumentandone la biodiversità e riducendo lo sviluppo di specie patogene.

Noi di Dieta Social lo consumiamo a colazione o a merenda, per preparare la crema Budwig e per la nostra FitCheesecake. Voi come preferite gustarlo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top